domenica 11 aprile 2010

Recensione: "Il bacio dell'angelo caduto" di Becca Fitzpatrick

Malgrado la sua migliore amica voglia trovarle un ragazzo a tutti i costi, Nora non ha mai messo l’amore in cima alle sue priorità. Almeno finché a scuola non arriva Patch.
Lui ha un sorriso irresistibile e un inspiegabile talento per leggere ogni suo pensiero. E, malgrado gli sforzi per evitarlo, Nora sente che l’attrazione che prova verso il suo nuovo compagno è destinata a crescere. Anche contro ogni spirito di conservazione.
Perché Patch è un angelo caduto e lei non avrebbe mai dovuto innamorarsi di lui. Sapere di trovarsi nel mezzo di un’antica battaglia tra Caduti e Immortali, sapere di dover scegliere da che parte stare potrà costarle la vita. La verità dunque è più inquietante di qualsiasi dubbio, e Nora non può sbagliare.


Recensione
Lo ammetto subito: non mi aspettavo niente di più e niente di meno. Mi sarebbe piaciuto, per una volta, rimanere sorpresa, possibilmente in modo piacevole, e invece si è rivelato esattamente come mi aspettavo: un libro carino, che si fa leggere, ma che allo stesso tempo ricalca troppo da vicino Twilight e in generale le tendenze adolescenziali di questi tempi non riuscendo alla fine ad emergere e a rivelarsi abbastanza originale come invece le premesse auspicavano.
Mi ha da subito attirato la bellissima copertina e il fatto che venisse affrontato finalmente un argomento nuovo: quello degli angeli. In realtà di "angeli"qui se ne parla ma non quanto avrei immaginato e sperato! Fino in pratica a poche pagine dalla fine, l'argomento è solo accennato e l'attenzione si concentra invece unicamente sullo strano rapporto tra la protagonista,l'adolescente Nora, e il bello e tenebroso Patch, più tutta una serie di strani ed inquietanti fatti che si susseguono per tutta la narrazione e che ti spronano ad andare avanti nella lettura creando parecchi interrogativi.
Devo dire che il protagonista maschile mi è piaciuto molto: viene descritto come il solito belloccio "irraggiungibile" ma a differenza dei soliti a cui siamo abituati, Patch è cattivo, nel senso di un pò stronzetto, e proprio per questa sua natura misteriosa e ambigua attira l'attenzione e diviene sicuramente il personaggio meglio riuscito dell'intero libro (a parte i suoi stivali da tamarro). Al contrario Nora si dimostra l'ennesima "Bella" della situazione con i suoi mille problemi, l'inspiegabile attrazione che tutti i ragazzi sembrano avere per lei, il fatto che prenda decisioni piuttosto inspiegabili e si comporti a volte in modo bizzarro. Il rapporto tra i due, inoltre, non mi ha convinto affatto, tanto che il perchè Patch si innamori di lei mi rimane ancora del tutto ignoto.
Inquietanti fatti dicevo, sì perchè per tutto il libro si respira un'aria di mistero con inseguimenti, fughe, tentati omicidi e strane personalità che se da un lato ti tengono incollato alla pagine, dall'altra tendono invece a dilungarsi troppo relegando solo alla fine le dovute spiegazioni riguardo alla figura degli affascinanti "angeli caduti".Il finale è quindi troppo frettoloso e parecchio scontato, tanto che se avessi scritto questa recensione subito dopo aver letto l'ultimo pagina del libro, e non tre giorni dopo come invece è successo, non penso proprio che sarei stata così "buona".
Insomma, un romanzo carino, che cattura l'attenzione fino alla fine e che tra tanti libri young adult sicuramente è tra i meno peggio letti dalla sottoscritta. Ve lo consiglio solo se siete fan del genere e amate i protagonisti che non siano i soliti mollicci sdolcinati.
Giudizio:***

Proprio ieri è stata resa nota la copertina del seguito dal titolo "Crescendo", previsto in America per il 16 Novembre 2010. Ancora nulla si sa dell'edizione italiana ma credo ci siano buone possibilità che possa uscire nei primi mesi del 2011.

13 commenti:

  1. Beh, ma lo sai che c'è? Ormai il meccanismo adolescente sfigata che s'innamora di "essere soprannaturale vario ed eventuale" non è più così originale perché lo usano per TUTTE le storie! Dalla Meyer in poi tutti pensano che basta variare qualche dettagliuccio qua e là (angelo al posto di vampiro) et voilà ecco una super storia, ma non è così! Penso che per rendere un romanzo che adopera un meccanismo trito e ritrito veramente interessante si deve saper trovare una sua identità e originalità! Cosa che non tutti gli autori sanno fare... così avremo sempre prodotti discreti, ma mai quel prodotto veramente nuovo!

    Comunque, per curiosità lo leggerò! Bella la ciopertina! Ma come mai il titolo è in italiano ("Crescendo" è il titolo originale, no??)

    ;-)

    RispondiElimina
  2. sono decisamente d'accordo con te.
    La parte che non capito è quando e come lui si sarebbe innamorato di lei!!!! mi sfugge proprio....però lei non è così male dai...è il classico prototipo della ragazza "normale"^^.
    cmq sono molto perplessa per il seguito...ma si vedrà^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma l'ahai letto sto libro si o no? se non hai capito, è perchè eri distratta
      -.-

      Elimina
  3. silvia, "Crescendo" è uguale anche in inglese e credo che venga usato per indicare,come negli spartiti, il passaggio da piano a forte...o almeno credo!!!
    ormai si segue sempre lo stesso procedimento narrativo alla Twilight...prova a leggerlo e poi dimmi se non è così!

    giuzza, per fortuna non sono l'unica a non aver capito QUANDO lui si sia reso conto di essere innamorato della tizia.tutto succede così di punto in bianco...inspiegabile davvero!
    A me lei non dice proprio niente...mi sa troppo di già letta, anche se devo dire che mi sta più simpatica di tante altre!

    RispondiElimina
  4. questo libro non mi ha convinto troppo, Il mio problema con Patch e Nora è che sono due personaggi un pò “piatti” nel senso che fin dalle prime pagine l’autrice li descrive in modo da caratterizzarli tramite frasi e aggettivi piuttosto che azioni: Patch ha un sorriso che promette guai, Nora vuole sempre essere in controllo,…ma per la maggior parte del libro queste descrizioni non sono supportate da azioni e l’attitudine di Nora è sostanzialmente irrazionale per tutta la storia

    RispondiElimina
  5. Ciao,
    mi piace l'ultimo commento.
    Sono davvero d'accordo.
    Aggiungo che va bene che alle ragazze piacciono gli infami, ma a dirla tutta sto' Patch ti verrebbe voglia di prenderlo a schiaffi. Provate a mettere la protagonista di Promessi Vampiri a fronteggiare questo fighetto e poi vediamo se non gli passa il ghigno. Aylad.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. al massimo prendo te a schiaffi

      Elimina
  6. salve,
    a me e piaciuto il bacio dell'angelo caduto...
    comunque volevo avvisare che il libro esce prima e non nella data che viene segnalata qui!
    se andate sul sito della scrittrice dice che esce il 19 ottobre in tutto il mondo!
    speriamo si risolviano alcune cose...Pacth....si deve mettere la testa apposto! :)

    RispondiElimina
  7. buongiorno,
    a me come libro è piaciuto molto.Come libro, se volete ve ne posso consigliare une molto bello di Elisa Puricelli Guerra. S'intitola cuori di carta.Mi
    ha fatto sognare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono supeeeeeeeeeeeeeeeeeeer d'accordo, purtroppo c'è chi non capisce niente come quelli di prima, è un libro fantastico, quindi statv zit!

      Elimina
  8. questo libro mi è molto piaciuto anche i successivi non è banale ha quel pizzico di originalità ke le serve non dobbiamo essere così pignoli a me questa storia mi ha fatto sognare mi è sembrata proprio di viverla :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vacca ai proprio ragione, :) chi non desidererebbe avere un ragazzo come patch!

      Elimina
  9. nonostante a me sia piaciuto tantissimo devo ammettere che le storie sono molto spesso ripetute come per esempio in evernight e il seguito stargazer e via con la saga li il persnaggioprincipale è una ragazza per metà vampiro e lui dovrebbe rappresentare il nemico facendo parte di un team di ammazza vampiri nonostante ciò i due si innamorano e i loro amore sarà tormentato almeno quanto quello di patch e nora... ma ,tuttavia è mia abitudine valutare ogni libro singolarmente e di conseguenza devo ammettere che questa storia mi ha fatto davvero sognare ad occhi aperti...

    RispondiElimina